Dal Corriere della sera. Indonesia: bombe in tre chiese cattoliche, almeno 13 morti

Gli attentati compiuti da kamikaze, una era una donna velata che si è fatta saltare in aria con i suoi due figli. Su Amaq la rivendicazione dell’Isis.

Sono almeno tredici le persone rimaste uccise nei tre attentati in altrettante chiese cattoliche di Surabaya, la seconda più grande città dell’Indonesia. Almeno 41 i feriti. Gli attacchi sono stati rivendicati dall’Isis tramite l’agenzia di propaganda del gruppo terroristico Amaq. A compierli sarebbe stata una famiglia di sei persone, tra cui due bambine e due ragazzini: lo fa sapere il capo della polizia. Si tratta di una famiglia composta da padre, madre, le figlie di 9 e 12 anni e i figli di 16 e 18 anni, legati a una rete locale di estremisti. Il Paese è a forte maggioranza musulmana. Gli attentati arrivano pochi giorni dopo che la polizia ha soffocato nel sangue una rivolta in un carcere vicino a Giacarta rivendicata dall’Isis, uccidendo almeno cinque persone.

 

A sferrare uno degli attacchi una donna velata che si è fatta saltare in aria assieme ai suoi due figli piccoli. Lo ha riferito la polizia indonesiana ai media.

Attentato sanguinoso

Si tratta del più sanguinoso attacco da anni in Indonesia, che è a maggioranza musulmana. La nazione del Sud-Est asiatico, che inizierà questa settimana il Ramadan, è stata in allerta per gli attacchi da parte di militanti locali, compresi alcuni episodi rivendicati dal gruppo dello Stato Islamico. Nessuno però ha ancora rivendicato gli attentati a Surabaya.
«Dieci persone sono morte e 40 sono in ospedale», ha detto il portavoce della polizia di East Java, Frans Barung Mangera, ai giornalisti, aggiungendo che due poliziotti sono stati feriti. Il bilancio delle vittime ufficiali è salito e potrebbe includere anche coloro che sono morti in ospedale.

La dinamica

Tre luoghi separati sono stati colpiti intorno alle 7:30 del mattino ora locale ( l’1.30 ora italiana) in quelli che sembravano essere attacchi coordinati, in cui sono stati impiegati sia attentatori kamikaze sia auto bomba. I filmati trasmessi dalle principali tv indonesiane sembravano mostrare un motociclista che entrava nei giardini di una chiesa prima che una bomba esploda. Altre immagini mostravano invece un veicolo inghiottito dalle fiamme. Gli artificieri della polizia sono stati chiamati a disarmare gli esplosivi ancora attivi al Gereja Pantekosta Pusat Surabaya, la Chiesa pentacostale del centro di Surabaya, e i testimoni hanno parlato di due forti esplosioni.

Fonte: http://www.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.