San Tommaso d’Aquino sulla Pasqua

image_pdf

Dalla risurrezione di Cristo possiamo ricavare a nostra edificazione quattro insegnamenti:

  1. Dobbiamo impegnarci per risorgere spiritualmente dalla morte dell’anima, in cui incorre l’uomo col peccato, alla vita di grazia che si riacquista mediante la penitenza. Dice infatti l’apostolo Paolo: “Svegliati, o tu che dormi, destati dai morti e Cristo ti illuminerà” (Ef 5,14). È questa quella prima risurrezione cui allude l’Apocalisse quando dice :”Beati coloro che prendono parte alla prima risurrezione” (20,6)
  2. Non dobbiamo differire questa nostra risurrezione al momento della morte, ma dobbiamo attuarla subito, perché Cristo è risorto al terzo giorno. A tanto ci invita anche il Siracide: “non aspettare a convertirti al Signore, e non rimandare di giorno in giorno” (5,8). Come potresti infatti pensare alla salvezza dell’anima quando sarai oppresso dalla malattia? Inoltre, perché perseverando nel peccato vorresti privarti della partecipazione di tanti beni che si fanno nella chiesa e incorrere in tanti mali? Il diavolo, inoltre – come dice Beda – quanto più a lungo possiede un’anima, tanto più difficilmente la lascia.
  3. Dobbiamo risorgere a una vita incorruttibile, per non morire di nuovo, cioè col proposito di non peccare più, come Cristo che “risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui” (Rm 6,9). Perciò “Anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi per Dio, in Cristo Gesù. Non regni più dunque il peccato nel vostro corpo mortale, sì da sottomettervi ai suoi desideri; non offrite le vostre membra come strumenti di ingiustizia al peccato, ma offrite voi stessi a Dio come vivi tornati dai morti” (Rm 6,11-13).
  4. Sforziamoci di risorgere a una vita nuova e gloriosa, tale cioè da evitare tutte quelle cose che prima ci erano state occasione e causa di morte e di peccato: “Come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova”(Rm 6,4), e questa vita nuova è una vita di grazia che rinnova l’anima e porta alla vita di gloria.

Alla quale tutti dobbiamo aspirare.

Tommaso d’Aquino, In Symbolum Apostolorum expositio.

Fonte: http://www.domenicani.it/quattro-suggerimenti-san-tommaso-daquino-vivere-la-pasqua/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.