Abba Filippo (settembre 2019!?)

image_pdf

Carissimi amici, come state?
Intanto un buon anno 2012, qui in Etiopia oggi 12 settembre abbiamo festeggiato il 1 giorno dell’anno 2012. Siamo più giovani di 7 anni. Così siamo in festa, vacanze e festa tra l’inizio del nuovo anno e la festa della Croce il 28 settembre, poi tutto riparte: scuola e lavoro.

Dopo alcuni mesi passati in Italia per la scomparsa di mia mamma Alma e per riprendermi e ricaricarmi bene, sono tornato in Etiopia, sempre nella zona di Gambella, ma in una nuova parrocchia, quella di Lare. Siamo a 80 km da Gambella sul confine con il Sud Sudan, vicini al fiume Baro, la gente è tutta di etnia Nuer e sostituirò don Matteo, un sacerdote italiano di Mantova che ritorna in Italia dopo tanti anni di missione.
L’accoglienza da parte di don Matteo e della gente e’ stata ottima, questo mi sta aiutando a riadattarmi al clima, sempre molto caldo, alla cultura loro, alla vita semplice del villaggio, al fatto di essere l’unico bianco insieme a don Matteo, alla lingua, sto riprendendo il nuer che già avevo un po’ imparato…
Nella strada che porta da Gambella a Lare ci sono la maggioranza dei profughi arrivati dal Sud Sudan, distribuiti in 4 grandi campi, più di 50 mila persone per campo. Passando per la strada l’entrata ai campi è posizionata nel tratto dove sono sorti moltissimi negozi di ogni genere per servire proprio i profughi e anche i salesiani di Gambella con il VIS hanno due progetti all’interno dei campi. Credo che alla domenica almeno per la Messa andrò anch’io all’interno di un campo, visto che sono tutti di etnia nuer.
E’ dal 2014 che è scoppiata la guerra civile in Sud Sudan e subito dopo sono sorti questi campi per accogliere i profughi che fuggivano dalla guerra, e dato il loro numero elevatissimo, c’e’ sempre tensione tra loro e la popolazione locale, che in quella zona è di etnia anuak.

Proprio la scorsa settimana hanno fermato una macchina di una ong che lavorava dentro il campo e poiché trasportava un nuer hanno ucciso sia il nuer che l’autista. Dopo due giorni la vendetta non si è fatta attendere e alcune persone hanno ucciso una persona anuak.
Speriamo che la tensione si calmi.
Nella parrocchia sono giorni tranquilli di preparazione della attività che inizieranno verso metà ottobre. C’e’ una bella comunità e con don Matteo stiamo visitando alcuni villaggi attorno per partire anche la’ con qualche attività.
Nella missione di Pugnido, dove ho passato gli ultimi 6 anni, il sacerdote locale diocesano che mi ha sostituito in questi mesi, abba Henock, continuerà a portare avanti la missione, sta facendo molto bene e il Vescovo abba Angelo ha preferito lasciare lui la’ e mandare me a sostituire don Matteo a Lare. Sicuramente andrò a trovarlo una volta per salutare lui e la gente.

Vorrei ringraziare i salesiani di Pordenone che mi hanno accolto nei mesi in cui sono stato in Italia, i miei familiari sempre presenti e attenti a me e tanti amici che sono riuscito a vedere e a incontrare, tutto ha contribuito per questa bella ripartenza per questa nuova esperienza qui a Lare.
Un ricordo vicendevole e a presto.

Buon Anno 2012!

 

Abba Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.