image_pdf

Da don Paolo Baldisserotto sdb. “Semplicemente Ugo”

Sono passati 50 anni da quando abbiamo conosciuto don Ugo De Censi, precisamente nella primavera del ’69. Uso il plurale perché i miei compagni del liceo “San Tommaso d’Aquino” lo conoscevano già e sotto la loro spinta lo abbiamo voluto come  animatore dei nostri esercizi spirituali a Brescia.

Continua a leggere

Documento finale della riunione Pre-Sinodale su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”

Ecco il frutto del prezioso lavoro fatto nella riunione presinodale, in cui i giovani sono stati protagonisti. Attenzione: l’originale del testo è in inglese, mentre la versione italiana è “di lavoro” e non è ufficiale…

Continua a leggere

Domenica 14 gennaio 2018. «Abbiamo trovato il Messia»

Preso Pietro con sé, Andrea conduce al Signore suo fratello secondo la natura e il sangue, perché diventi discepolo come lui; questa è la prima impresa di Andrea. Accresce il numero dei discepoli; vi introduce Pietro, nel quale Gesù troverà il capo dei suoi discepoli. Perciò quando dopo Pietro avrà mostrato una condotta mirabile, la dovrà a ciò che Andrea aveva seminato. La lode rivolta a uno, si riflette pure sull’altro, poiché i beni dell’uno appartengono all’altro e l’uno si gloria dei meriti dell’altro.

Quale gioia ha procurato a tutti Pietro quando ha risposto senz’indugio alla domanda del Signore, rompendo il silenzio imbarazzato dei discepoli! Solamente Pietro ha pronunciato queste parole: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente” (Mt 16,16). Parlava in nome di tutti; in una frase, proclamava il Salvatore e il suo disegno di salvezza. Quanto questa proclamazione si accorda bene con quella di Andrea! Il Padre celeste conferma le parole che Andrea aveva dette a Pietro mentre lo conduceva a Cristo – “Abbiamo trovato il Messia” – ispirandole a Pietro (Mt 16,17): “Tu sei il Cristo, il figlio del Dio vivente”.

 

Basilio di Seleucia (?-ca 468), vescovo
Discorso a lode di Sant’Andrea, 4; PG 28,1105