image_pdf

La Messa Mistero nuziale. 7.

Oltre che essere risposta alla Parola salvi­fica di Dio, l’Eucarestia sinagogale era la celebrazione dell’Alleanza con la quale Dio strin­geva a Sé il suo popolo. Trasferito nella nuova Alleanza, tale elemento riceve il suo ultimo perfezionamento nell’Eucarestia cristiana.

Prima di tutto, però, è necessario verificare in cosa consiste il progresso e lo sviluppo del­la nuova Alleanza in confronto alla Vecchia. Già era stato previsto dai Profeti che l’era mes­sianica sarebbe stata caratterizzata da un’inte­riorizzazione dell’Alleanza mosaica. L’apparte­nenza reciproca tra Dio e il suo popolo e i loro mutui rapporti sarebbero stati comandati non da una legge esteriore, ma dalla presenza di una legge ormai scritta nel fondo dei cuori. Geremia annuncia: «Metterò la mia legge nel fondo del loro essere e la scriverò sui loro cuori. E allora sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo». Per Ezechiele, invece, il nuo­vo intimo rapporto fra Dio e il suo popolo sarà l’effetto dell’effusione dello Spirito di Dio nei cuori: «Io metterò il mio Spirito in voi… e voi sarete il mio popolo e Io sarò il vostro Dio».

Continua a leggere