image_pdf

MI chiamo Chiara…

Mi chiamo Chiara sono cresciuta in una famiglia cristiana che sin da bambina mi ha insegnato ad avvicinarmi alla fede.
Quando avevo 5 anni mia madre cominciò a frequentare una comunità del Rinnovamento dello Spirito e così anche io e mia sorella cominciammo questo percorso di fede che ci ha accompagnato nella crescita e mi ha insegnato a pregare e a rivolgermi in maniera semplice a Gesù come ad un amico a cui raccontare le mie difficoltà e i miei dubbi, ma soprattutto mi ha insegnato a condividere la fede con i fratelli che camminavano con me.

Continua a leggere

La Messa Mistero nuziale. 6. Verso il cuore della Messa

L’esame che abbiamo fatto delle origini e dello sviluppo dell’Eucarestia nella Chiesa na­scente è stato soltanto un abbozzo. Ma ciò che si è intravisto è sufficiente per permetterci qualche ulteriore riflessione che ci faccia com­prendere meglio la natura e il contenuto del­l’Eucarestia cristiana. Come già affermato al­l’inizio il nostro scopo nell’indagare nella prei­storia del Mistero eucaristico è ben più di una curiosità: è una ricerca che ci deve permettere di cogliere con maggior certezza gli elementi essenziali dell’Eucarestia cristiana. Sono questi che ci interessano di più. Ricerche e considera­zioni collaterali, indubbiamente interessanti – l’Eucarestia è così ricca -, finirebbero per ri­sultare dispersive. Per questo vogliamo evi­denziare gli elementi essenziali dell’Eucarestia sinagogale e vedere come di fatto Gesù li ha trasformati nelle sorgenti della sua ricchezza divina nella nuova Alleanza.

La «berakah», l’Eucarestia della Sinagoga, era innanzitutto la risposta umana del popolo eletto alla Parola salvifica di Dio. Ed ecco la necessità di evidenziare – per quanto possibile nella brevità di questo capitolo – come l’Euca­restia cristiana realizza questo rapporto di Parola e risposta in tutta la sua pienezza divina.

Continua a leggere

La Messa Mistero nuziale. 5. Dalla “Berakah” alla Messa

Nel primo secolo della Chiesa la Messa con­tinuava a presentare immutato il rito sinago­gale con l’aggiunta, qua e là, di una espressio­ne: «di Gesù Cristo tuo servitore», e delle parole della consacrazione. Per il resto, la pre­ghiera eucaristica era identica a quella in uso nella sinagoga, a parte la traduzione delle pa­role-chiave «eucarestia» per «berakah» e «chiesa» invece di «qahal».

Ma ecco un primo segno di evoluzione. Il fondo e il corpo del testo rimangono giudaici, ma si osserva già una certa interpretazione cri­stiana dei temi. In queste trasposizioni dei con­cetti del vecchio Testamento in quelli del Nuo­vo si segue un certo parallelismo logico nell’ordine delle idee. Si è visto, per esempio, che la terza preghiera del pasto rituale intercedeva per la riunione di tutti i dispersi figli d’Israele nel Regno di Dio e per l’avvento del suo Mes­sia. Nel contesto del nuovo Testamento que­sto concetto viene tradotto nella preghiera che tutti i cristiani siano «un solo corpo e un solo spirito» con Cristo, idea solo implicita nella Messa di Roma, ma testuale nelle altre Litur­gie cristiane.

Continua a leggere

Sul Mistero Pasquale e il Mistero Nuziale

Nell’agire di Dio con l’umanità è tolta la barriera tra Colui che agisce e la “platea”; l’uomo non è spettatore ma co-attore nel dramma di Dio, o spettatore solo in quanto è anche co-attore, ed egli non si guarda soltanto sulla scena ma realmente agisce in essa.
(H. U. von Balthasar, Teodrammatica 1, 22)

Meditazioni dopo la lettura di un preziosissimo libro:
UN CERTOSINO, La Messa Mistero nuziale, Gribaudi, Torino, 1981.

Continua a leggere